Ad Ariano la democrazia vale 50€

Cosa sta succedendo nel Comune di Ariano Irpino, il paese in cui la democrazia vale 50 euro?

A due giorni dal mio rientro ho raccolto una serie di testimonianze da non credere.

Alcuni esponenti dell’amministrazione comunale hanno ormai totalmente perso la lucidità.

Come se fossero dei teppistelli qualsiasi, c’è chi ha preso a cravattino un cittadino e chi invece sbatte denaro in faccia alle persone.

Potevo non credere alla voce del popolo fin quando non ho parlato con un attivista del M5S che da due mesi sta tentando invano di ottenere un’autorizzazione per posizionare nella Villa Comunale un Gazebo che, oltre agli attivisti, anche il sottoscritto voleva utilizzare per parlare con i cittadini delle attività svolte presso la Camera dei Deputati.

Dopo vari dinieghi c’è stata una richiesta di denaro, circa 50 euro giornaliere, che a nostro parere è illegittima perché non è stata stabilita secondo quanto previsto dai tariffari.

A questo punto si materializza il concetto di Democrazia dell’ex Assessore Gambacorta che di fronte alle richieste di chiarimenti dell’attivista, il quale chiedeva di avere copia dei tariffari, apre con eleganza la borsa, prende il portafoglio, estrae 50 euro e gliele sbatte in faccia.

La paura di perdere gioca brutti scherzi, ma non può mai giustificare simili atteggiamenti ed episodi.

Pubblicato in Blog

Commenti

  • Filippo gambacorta:

    Ma se costa così poco far vale valere le proprie idee…avrei pagato come chi raccoglie fondi per la ricerca, chi promuove donazioni per i familiari dei malati che non possono pagarsi le spese di viaggio e chi come svariati enti pubblici per promuovere la prevenzione. Purtroppo a volte vale la pena pagare anche solo 50 euro per poter essere in regola con gli adempimenti, non il costo della democrazia, quella è costata la vita di migliaia di gente. Di sicuro un sacrificio non un costo

  • Mi meraviglio che un attivista del M5S si sia lasciato trattare così. Fin quando le denunce si continueranno a fare su Internet,la situazione non cambierà e questi continueranno come meglio credono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>